Ischia News ed Eventi - Giardini Ravino

Giardini Ravino

Animali e natura
Tools
Typography

Riunire in sé tante specie vegetali, presenti in tutto il mondo, in un unico luogo e permettere, a ricercatori e appassionati, di poterne apprezzare le caratteristiche senza dover andare da una parte all’altra della Terra. È questa la peculiarità dei Giardini Ravino, uno degli esempi maggiori di biodiversità nonché uno dei giardini botanici più famosi a livello europeo.

Insigniti del Premio dell’Osservatorio Parlamentare Europeo e del Consiglio d’Europa – Commissione Turismo per «aver saputo coniugare la tradizione del patrimonio botanico raccolto dal Capitano di Marina Giuseppe D’Ambra con la modernità di una struttura attenta ai temi sociali ed ambientali. Contribuendo in questo modo alla promozione di un’isola incantata e unica in Italia» nell’anno 2010, tali giardini sono un vero e proprio spettacolo della natura, nati da un sogno, frutto di un lavoro durato un quinquennio. Al di là del tempo occorso per la cessione del terreno – da notare che al posto dei giardini vi era un vigneto a mezzadria – il passaggio ad orto botanico è stato lento e graduale.

Con amorevole cura, dopo aver regalato le viti all’azienda agricola Pietratorcia, che rappresenta una tradizione per l’Isola d’Ischia, il marinaio di lungo corso, come ama definirlo semplicemente il figlio, Giuseppe D’Ambra decise che era giunto il momento di mostrare a terzi la sua collezione privata di piante, molte provenienti dai turisti tedeschi, affinché anche altri potessero beneficiare della loro bellezza e peculiarità. La movimentazione del terreno, i lavori a porte chiuse, finalmente hanno portato alla creazione di quelli che oggi costituiscono i Giardini Ravino, aperti al pubblico nel 2006, la cui Terrazza dei Grusoni è caratteristica per il riflesso della luce del sole, al tramonto, sulle spine, che conferisce un particolare colore rossiccio alle piante. Tra le varie specie, le piante succulente europee (così vengono definite quelle piante i cui tessuti riescano ad immagazzinare notevoli quantità d’acqua), dette impropriamente “piante grasse”, ne sono solo due: Sempervivum e Sedum. Le prime costituiscono un genere di circa 40 specie, appartenenti alla famiglia delle Crassulacee, ed hanno il tipico sviluppo a rosette; le seconde, invece, comprendenti circa 600 varietà di specie, non sono solo succulente ma anche “xerofile” o “xerofite” – termine, quest’ultimo, che deriva dai tipici ambienti in cui riescono a resistere tali vegetali, caratterizzati da profonda siccità – e utilizzate come piante ornamentali per il loro gradevole aspetto.

Tutte le altre piante, invece, sono d’importazione, in particolari l’Aloe, le cui proprietà terapeutiche sono ben note e conosciute già dall’antichità, infatti è a tale pianta che si deve la cura delle ferite alla spalla di Alessandro Magno, ferite avvenute nella battaglia dell’Idaspe, combattute sulle rive dell’Indo nel 326 a.C. Una pianta, l’aloe, ad avere la più alta concentrazione di molecole d’ossigeno, concentrazione che conferisce alla stessa le sue salutari proprietà. Accanto all’aloe, primeggiano le Opuntie (il cui nome deriva dal greco “Opus”, ossia “Opunte”, l’antica capitale della Locride), genere di piante della famiglia delle Cactaceae, tra cui il famosissimo fico d’India, la cui importazione è dovuta a Cristoforo Colombo. Una pianta proveniente dall’America meridionale, il cui nome fu usato da Plinio Il Vecchio.

Tra le Agavi, invece, genere di piante monocotiledoni, appartenente alla famiglia delle Agavaceae, quella che balza agli occhi è la Regina Vittoria, caratterizzata da margini non spinosi ma taglienti, che è una delle più piccole. Di non trascurabile rilievo, inoltre la Chorisia speciosa, oggi nota come “Ceiba speciosa”, albero della famiglia delle Bombacaceae (Malvacee secondo la classificazione APG), la cui succulenza è nel fusto. Descrivere tutte le specie vegetali dei Giardini Ravino, sarebbe un peccato, in quanto bisogna attraversarli, per un’estensione di 6.000 mq circa, per rendersi conto dell’idea geniale del suo ideatore. Non solo si ammireranno le varietà mostruos, crestate e variegate, ma si potrà partecipare alle numerose iniziative.

I Giardini Ravino, aperti dalle 9.00 al tramonto, e fino al 30 agosto anche di sera, dalle ore 20.30 alle ore 23.30 (per i gruppi di minimo 10 persone è richiesta la prenotazione al n° 329.4983923), sono infatti la sede del G.A.S. (Gruppo di Acquisto Solidale) “Megalesia” e dell’associazione “Tommaso Cigliano”, il cui scopo è la conoscenza e diffusione della medicina omeopatica, nonché di eventi in collaborazione con l’organizzazione mondiale “Medici Senza Frontiere”, premio Nobel per la pace 1999, per sensibilizzare su tematiche e problematiche socio-sanitarie. I Giardini Ravino si propongono infatti di essere una fucina di idee per la promozione del turismo ecosostenibile, non essendo solo ancorati al concetto tradizionale di giardino botanico ma estendendolo ed arricchendolo di nuovi e più ampi contenuti, fino a comprendere una serie di servizi annessi, quali: esposizioni, mostre d’arte, artigianato, fotografia, rassegne editoriali, rappresentazioni sceniche, proiezioni, concerti, conferenze e convegni.

 

Come arrivare in autobus o in automobile

I Giardini Ravino sono situati nel comune di Forio.
Un luogo facilmente raggiungibile sia in autobus che
in automobile. La fermata dista pochi metri dal giardino. La tratta è coperta dalle linee 21, 22, 23, 24. Per colori
i quali preferiscono muoversi in auto, lungo la strada ampi parcheggi pubblici vi permetteranno di poterla lasciare comodamente.
Info utili
Indirizzo:  S.S. 270 (loc. Citara) - 80075 Forio (Na)Tel. +39 329.4983923 - www.ravino.it
Aperto:    da Marzo a Novembre lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 9:00 al tramonto
Ingresso:    € 9,00

 

Giardini RavinoGiardini RavinoGiardini RavinoGiardini Ravino

 

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.