Ischia News ed Eventi - Case e giardini

Ogni volta che si varca l’ingresso dei Giardini La Mortella sembra di essere nel libro “Il Giardino Segreto” di Frances Hodgson Burnett. Sarà perché oltre la soglia dell’imponente entrata ricoperta da rampicanti non ci si aspetterebbe di trovare uno spazio sconfinato di verde e fiori, sarà perché si ha l’impressione, appena dentro, di essere in un luogo lontano, grazie alle piante rigogliose, che riempiono e colorano ogni scorcio, provenienti da paesi e latitudini differenti.

Felci arboree del continente Australe, Protee e Aloe del Sudafrica, Yucche e Agavi del Messico, Magnolie, Bauhinie, Palme, Cicadacee, sono una continua scoperta, un viaggio attorno al mondo, che richiama i luoghi più lontani ed esotici. Invece siamo a Zaro, nel comune di Forio, a pochi passi dalla Spiaggia di San Francesco, a La Mortella eletto nel 2004 dai Grandi Giardini Italiani “Giardino più bello d’Italia”.

Sono i Giardini La Mortella di Ischia a tenere alto l'onore italiano nell'ambito dell'Horticultural Tourism: lo splendido orto botanico realizzato negli anni '50 da Sir William Walton e da sua moglie Lady Susana è stato eletto da un attento pubblico di turisti tra i tredici migliori al mondo. A darne notizia è stato nei giorni scorsi  il quotidiano anglosassone The Guardian che ha pubblicato, nella sua rubrica di viaggi una lista di quelli che, secondo i suoi lettori, sono i giardini più belli al mondo.

http://www.guardian.co.uk

Incontro con Giuseppe D’Ambra, l’inventore di uno straordinario Giardino esotico

Ai Giardini Ravino si accede dalla strada statale 270 o via Provinciale Panza al n.140 e subito l’ingresso sprigiona la curiosità del visitatore con quelle piantine grasse in bella mostra. Che tipo di Giardino sarà? Sarà un giardino mediterraneo o inglese? Che ci fanno le piante succulente in un’isola mediterranea dove ci sono limoneti o vigne o al massimo le pinete?

I Giardini Ravino non sono un’opera della natura ma dell’uomo, di un uomo che ha voluto racchiudere una passione giovanile accresciuta dai suoi viaggi per il mondo. Ma la natura ci ha messo la sua perché è questo microclima particolare che ha il versante sudoccidentale dell’isola, più caldo rispetto alla parte nord, che ha permesso di impiantare e di curare una straordinaria collezione di piante succulente che si possono trovare invece nei paesaggi del Messico o della California o dell’Ecuador.

Il 22 marzo riaprono i fantastici Giardini Ravino. Un parco botanico tropical mediterraneo, con una collezione cinquantennale di piante succulente.

I Giardini Ravino ospitano una delle più vaste e varie raccolte di piante succulente d'Europa: un affascinante percorso nel verde, alla scoperta di scenari sorprendenti ed esemplari botanici esotici, rari e preziosi, coltivati ll'aperto. La collezione, frutto della passione naturalistica del capitano Giuseppe D'Ambra, si arricchisce ogni anno di nuove specie provenienti da tutto il mondo.

Dal 20 al 22 maggio si rinnova l'appuntamento di "Ipomea, mostra mercato di piante rare ed inconsuete della fascia temperata calda", giunto alla sua nona edizione.

Il Parco Botanico Idrotermale del Negombo, a Lacco Ameno ospiterà, come di consueto, questa intensa tre giorni.

Al via anche la Stagione Musicale mentre in estate al Teatro Greco si annunciano molte novità

Da sabato prossimo 2 Aprile i Giardini La Mortella si apriranno nuovamente al pubblico con la dirompente esplosione dei colori e le preziose essenze arboree che ne fanno uno dei giardini più eclettici e visitati d'Europa.

La riapertura della Mortella coincide anche con la ripresa del ricco calendario degli appuntamenti musicali che vede protagonisti giovani virtuosi provenienti da tutto il mondo. Primo appuntamento sarà proprio nel week end di apertura sabato 2 e domenica 3 Aprile con l'Ensemble of the Welsh College of Music and Drama che nell'ambito della Stagione musicale primaverile eseguirà le musiche di William Walton.

ISCHIA: DAL 2 APRILE AL VIA LA STAGIONE 2011 AI GIARDINI LA MORTELLA

Un'atmosfera unica tra natura e musica

Dal 2 Aprile prossimo i Giardini La Mortella si apriranno nuovamente al pubblico con i loro colori e le infinite essenze arboree che ne fanno uno dei giardini più eclettici d'Europa.

La Mortella - per oltre trent'anni dimora di uno dei più importanti musicisti inglesi del Novecento, Sir William Walton e di sua moglie Susana - è stata realizzata a partire dal 1956 con l'aiuto del noto architetto paesaggista britannico Russel Page che ne disegnò l'impianto, integrando lo spazio fra le pittoriche formazioni rocciose di origine vulcanica tipiche dell'Isola d'Ischia ed arricchendo il Giardino con fontane, piscine, corsi d'acqua che hanno favorito la coltivazione di una superba collezione di piante acquatiche come il papiro, il fior di loto e le ninfee tropicali.

Altri articoli...

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.