Ischia News ed Eventi - Casamicciola in prima pagina solo quando c' è un morto o una tragedia
19
Fri, Apr
0 New Articles

Casamicciola in prima pagina solo quando c' è un morto o una tragedia

Cronaca
Typography

Casamicciola in prima pagina solo quando c è un morto o una tragedia ma dimenticata quando si deve discutere ed agire per la "ricostruzione".

Una antica cittadina dell'isola d'ischia che faceva"turismo" quando pochi paesi in Italia facevano turismo e sapessero cosa significasse oggi vive una tristissima fase di declino sociale ed economico dopo il sisma del 21 agosto 2017 e l'alluvione e la valanga del 26 novembre 2022. Ci vuole un legge - ancora in discussione in parlamento - per affermare che una ricostruzione è anche "sociale ed economica" non solo "materiale" che fra l'altro non c è stata. Il commissario governativo Giovanni Legnini - attentissimo da profondo giurista - lo dichiarò in una conferenza stampa del 22 ottobre 2022. 28 giorni prima della nuova tragedia: "il mio compito è avviare la ricostruzione degli edifici. Attendo il nuovo disegno di legge del governo che prevede per le aree terremotate un commissariato nazionale impegnato anche nella ricostruzione del tessuto sociale ed economico". Accade anche questo in Italia. Ho una enorme esperienza di cronista locale per sapere che un morto fa notizia non una piccola comunità in crisi economica. Ricordo la prima lezione o la prima cazziata del redattore dell'ansa Silvio Giovenco oltre 50 anni fa ad un mio servizio da Ischia di un convegno di medici dove scrissi che il convegno aveva commemorato un medico "recentemente scomparso". Giovenco mi telefono": Mazzella l'Ansa dice "morto" non "scomparso". Ricordati per l'avvenire. La dimensione della notizia è data dal numero dei "morti". Una lezione dura vera cinica. Una località fa notizia solo se c è un morto o due morti o 12 morti. Tutti i problemi che crea una catastrofe non sono più notizia nazionale. A casamicciola i giornali nazionali vendono poco meno o più di 20 copie. Una comunità locale allora deve massimizzare la partecipazione democratica alla "ricostruzione" perché é sola con sé stessa. La solitudine collettiva si manifesta nella solitudine individuale. Un dramma individuale é la spia di un dramma collettivo. Non ci vuole un sociologo per capirlo. G. M.