Ischia News ed Eventi - La montagna ora è ancora più fragile e va messa in sicurezza
06
Mon, Feb
0 New Articles

La montagna ora è ancora più fragile e va messa in sicurezza

Ambiente
Typography

Il giorno dopo la tragedia del 26 novembre, ho effettuato un sopralluogo nella zona di distaccamento della frana che ha colpito il Maio, zona Via Cellario.
Per arrivare sul luogo sono partito dal Cretaio ed ho raggiunto la Cava Puzzillo al di sotto della sorgente di Buceto. Purtroppo smottamenti e frane sui percorsi campestri mi hanno impedito di attraversare la suddetta Cava Puzzillo.

Ho cercato di arrivaci passando al di sopra della sorgente di Buceto, purtroppo anche lì era franato.
Ho quindi deciso di imboccare il percorso che va per i Cantoni e passa al disopra di Cava Puzzillo e Cava Sinigallia, anche qui diverse frane di piccola entità si sono staccate dalla montagna e sono precipitate verso il basso.

Sono quindi arrivato alla zona Cellario ed ho individuato a circa 600 metri sul livello del mare una frana di grande identità che si è staccata dalla montagna ed ha travolto quasi tutte le case che si trovavano sulla sua strada!

Si tratta di terriccio inzuppato/saturo di acqua che poggia su uno strato di argilla solida! L’argilla altamente scivolosa ha fatto si che una parte del terriccio saturo d’acqua potesse scivolare facilmente verso il basso travolgendo le case che erano sul suo cammino.

IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio1

IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio7

IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio6Le figure da 1 a 7 documentano lo strato argilloso con sovrapposto terriccio saturo di acqua ed inglobamento di blocchi tufacei. Dalle foto si riconosce che vi sono ancora blocchi in bilico di diversi metri di diametro che alla prossima pioggia avranno facilità a scivolare verso il basso!

La figura 6 indica lo stato di saturazione del terriccio.

IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio8IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio10Le figure 8-10 indicano ove finisce lo strato di scivolamento argilloso e ove inizia il canalone che ha portato i detriti a valle.
Inoltre il terriccio scivolato verso il basso ha indebolito del tutto la zona, quindi il restante terriccio alle prossime piogge avrà gioco facile per poter scivolare verso il basso. Invito caldamente i responsabili a mettere la zona in sicurezza prima dell’arrivo di nuove abbondanti piogge! Il pericolo è ancora imminente e potrebbe costare altre vite umane!

L’abbondante materiale franoso versatosi a Piazza Bagni si è comunque distaccato dalle pareti di Cava Ervaniello e Cava Sinigallia.
Distacco di terriccio ed alberi si notano da lontano anche in zona Monte Cito e Pizzone, il materiale distaccato non è comunque ancora arrivato a valle.

Cava Puzzillo, con il distacco di materiale nella zona alta, deve essere monitorata e messa in sicurezza in quando, con acquazzoni forti, il materiale distaccato può raggiunge facilmente il centro abitato di Piazza Bagni, via Pio Monte della Misericordia (via Lava!) ed il porto di Casamicciola.

Riassumendo buona parte del versante nord e specialmente Casamicciola Terme, dopo la tragedia del 26.11.22, sono ancora ad alto rischio per quando riguarda lo slittamento di frane che poi indebolendo i versanti da cui si staccano, impostano altre frane.

IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio1
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio2
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio3
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio4
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio5
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio6
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio7
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio8
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio9
IspezionefranaCasamicciolaGeologoAnielloDiIorio10