Ischia News ed Eventi - Legambiente Ischia e Gli alberi e noi - Isola Verde sulla realizzazione della pista ciclabile nella Pineta degli Atleti
02
apr , gio
4 New Articles

Legambiente Ischia e Gli alberi e noi - Isola Verde sulla realizzazione della pista ciclabile nella Pineta degli Atleti

Ambiente
Typography

Le associazioni Legambiente Ischia e Gli alberi e noi - Isola Verde, in merito al progetto relativo alla realizzazione della pista ciclabile nella Pineta degli Atleti, esprimono una serie di considerazioni riguardanti sia l’opportunità di tale progetto sia le modalità di realizzazione dello stesso.


Prima di tutto, le associazioni si chiedono se il progetto abbia tutte le autorizzazioni urbanistiche e ambientali, andando ad apportare significative modifiche in un SIC (Sito di Interesse Comunitario) soggetto alla Direttiva Habitat e vincolato dal PTP.
Inoltre esprimiamo un forte dissenso nei confronti della scelta progettuale di prevedere una pista ciclabile (altrove benvenuta in un’ottica di mobilità sostenibile) in un ecosistema fragile e già provato da diverse infestazioni parassitarie che hanno portato a morte numerosi alberi.

Gli interventi finora effettuati hanno già creato danni: infatti lo scavo per la realizzazione della pista ha portato alla rimozione di diverse piante e rocce che costituivano elementi importanti dell’ecosistema del SIC, alterando significativamente la morfologia dei luoghi. Alcuni alberi sono stati seriamente danneggiati esponendo le radici. Infine il materiale utilizzato per la realizzazione della pista, che ci era stato assicurato fosse ecologico, appare invece un misto di inerti di riciclo e terreno, sicuramente non consono al luogo.
Ci preoccupa inoltre la prosecuzione del percorso, che a quanto ci è dato sapere dovrebbe snodarsi in una zona ricca di vegetazione e con un’orografia articolata, ecologicamente e paesaggisticamente rilevante.

L’amministrazione del Comune di Ischia, che in altre occasioni si è dimostrata attenta nei confronti della comunità riguardo ai valori ambientali, in questo caso sembra operare in maniera perlomeno avventata, ed è auspicabile che riconsideri il progetto, anche alla luce delle osservazioni qui proposte.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set.