Ischia News ed Eventi - L'originale versione teatrale di Eduardo Cocciardo dell'"Orlando Furioso" al Teatro Polifunzionale Ischia il 28, 30 aprile e il primo maggio.

L'originale versione teatrale di Eduardo Cocciardo dell'"Orlando Furioso" al Teatro Polifunzionale Ischia il 28, 30 aprile e il primo maggio.

Teatro
Typography

The Creative Arts, Foriani nell’animo e in collaborazione con Ugualos Produzioni presenta Orlando Furioso in scena al Teatro Polifunzionale Ischia il 29, 30 aprile e il primo maggio, nell’ambito della seconda Rassegna del Teatro Isolano.


A cinquecento anni dalla sua pubblicazione, L’Orlando furioso resta il poema cavalleresco per eccellenza. Per la sua incredibile articolazione e per la capacità di trattare in modo apparentemente semplice temi complessissimi risulta la prima grande opera della letteratura italiana moderna.

La trama, molto articolata e stratificata, ruota attorno a tre filoni principali: gli amori di Orlando, Angelica e Rinaldo (e, di conseguenza, di tutti gli altri personaggi cui alludono le “donne” e “gli amori” del primo verso del poema), la guerra tra l’esercito cristiano di Carlo Magno e i Mori (“i cavallier” e “le arme” sempre citati nel primo verso), il motivo encomiastico per la casata ferrarese degli Estensi, sviluppato attraverso le figure di Bradamante e di Ruggiero.

L'originale versione teatrale di Eduardo Cocciardo, porrà l'attenzione soprattutto sui primi due temi: gli amori (e la traduzione di questo sentimento in follia e disperazione: analisi attualissima, visti gli episodi spesso conflittuali che scandiscono l'eterna incomunicabilità fra l'universo femminile e quello maschile) e le armi (la difficile integrazione fra Occidente e Oriente, lo scontro infinito fra Cristianità ed Islam, declinatosi oggi nella costante minaccia del terrorismo internazionale).

 

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.