Ischia News ed Eventi - Musica e cotillon per un’atmosfera d’altri tempi per il gran gala’ di capodanno al palazzo reale

Musica e cotillon per un’atmosfera d’altri tempi per il gran gala’ di capodanno al palazzo reale

Musica
Typography

Grande successo per il “GRAN GALÀ DI CAPODANNO ALLA REGGIA” tenutosi sabato 1 gennaio al Palazzo Reale di Ischia. Il Palazzo di Re Ferdinando II, un tempo del protomedico Francesco Buonocore ha aperto i suoi portoni mantenendo l’antico spirito di “Sede delle muse” e di intrattenimento che il Buonocore stesso amava corrispondere ai propri ospiti, schiudendo il nuovo anno con una serata dai toni soft ed eleganti in uno scenario incredibilmente chic regalato dal colonnello dello Stabilimento Balneo-Termale Militare, Aniello Paduano e dall’Associazione Culturale Ixion presieduta Flora D’Andrea, e presentata da un impeccabile e sempre professionalissimo Guerino Cigliano.

Il Galà, che ha visto tra i suoi ospiti una certa elite culturale, è stato dedicato al Concerto del già noto Gruppo Madrigalistico “InsulaIncanto” diretto magistralmente dal M° Marianna Impagliazzo e accompagnato dal M° Giustina Taliercio. Il coro polifonico “InsulaInCanto” è da sempre impegnato nel recupero di antichi testi e strumenti musicali che giacciono silenti nel nostro territorio.

La corale, dopo essersi esibita con arie natalizie e rarissimi pezzi rinascimentali a cappella, mostrando notevole abilità nell’interpretazione e nella cesellata scelta ed esecuzione dei pezzi, ha ceduto il passo ad una delle migliori “ugole d’oro” dell’isola, il soprano Antonella Iacono che ha voluto inaugurare questo nuovo anno regalando alla platea delle arie liriche teatrali che ben si accostavano alla location regale.

Una serata che l’Associazione Ixion ha voluto consacrare interamente al territorio ischitano e alle sue migliori punte di diamante. A sorpresa sono state donate, assieme a delle splendide litografie dello scomparso pittore ischitano Mario Mazzella che intese per l'appunto “l’Arte come Patria”, delle Note di Merito alle azioni più incisive per il territorio nel 2010 tra le quali spiccavano nomi illustri del giornalismo isolano come Giuseppe Mazzella al quale è stata affidata unnota di merito alla carriera per aver dimostrato, con incisività, continuità e generosità, lodevoli azioni culturali e sociali volte all’interesse dell’Isola d’Ischia; Ciro Cenatiempo per aver saputo portare in alto il nome del territorio ischitano anche in terraferma con uno stile semplice ma elegante, ed Isabella Marino per essersi resa portavoce della cultura ischitana con i suoi articoli colmi di incisività e tempestività. La nota di merito, per aver svolto attività benefica e culturale in favore del territorio, è stata assegnata alla Fondazione “Fondazione Ing. S. Leonessa” e, infine, nell’ambito dell’attività geologica e vulcanologica una nota particolare è stata data al noto vulcanologo prof. Giuseppe Luongo da sempre impegnato nella difesa e nella divulgazione delle notizie scientifiche legate all’attività sismica, vulcanologica ed idrogeologica della nostra isola e, infine, l’arch. Alessandro Vacca per essere stato tra gli apripista del protocollo d’intesa per il Tavolo Permanente, non solo nel proprio comune, ma anche al di fuori del proprio territorio. Non ultimi tutti quei comuni che per primi hanno aderito all’importantissimo Progetto del Tavolo Permanente volto alla tutela idrogeologica del territorio come Serrara Fontana, Barano, Forio d’Ischia e Casamicciola Terme. La serata, si è protratta con un contributo offerto dagli esilaranti giovani dell’Associazione Teatrale “Uomini di Mondo” che si sono esibiti in un divertentissimo ma quanto mai appropriato scatch in dialetto napoletano dedicato ai musicisti interpretato da Valerio Buono e da Antonia Andrisano anche impegnata nelle danze popolari tradizionali eseguite assieme a Daniela Marino quali rappresentanti della Scuola del folklore di Buonopane che con la loro Tammurriata Murupanese ci hanno restituito l’eco dei suoni, dei passi e dei testi liberamente ispirati all’antica danza tradizionale derivante dalla “Vattuta e l’astico” che rappresenta la fase conclusiva della costruzione delle antiche case ischitane vale a dire, anche, il momento di massima aggregazione familiare e sociale.

L’Associazione Ixion, lo Stabilimento Balneo – Termale Militare assieme al Gruppo Madrigalistico InsulaInCanto hanno inteso trasmettere a quanti hanno avuto la possibilità di prendere parte al Galà, riuscendoci perfettamente, l’importanza di salvaguardare la nostra arte e le nostre tradizioni isolane abbracciando a 360° lo slogan europeo “Salviamo la Cultura” mostrando come nuove generazioni di professionisti possano riuscire a titolo gratuito e per amore della propria terra, con la loro professione o anche solo per semplice passione personale a portare avanti, con dedizione, l’impegno di rendersi nel nostro territorio rappresentanti e promotori di cultura e tradizione. La serata si è conclusa in bellezza promuovendo opera di beneficenza per il Centro di Accoglienza Giovanni Paolo II di Forio.

A. B.

Antonella-Iaconogala