Ischia News ed Eventi - Teatro

Sabato 6 e domenica 7 aprile alle ore 20:30, nella sala teatrale del Polifunzionale, la compagnia teatrale Attori Per Caso, con la regia di Teresa Sasso, presenta “Io, Pulcinella” un omaggio alla commedia dell’arte con due atti unici di Antonio Petito, “Nu pittor è nu muorto vivo” e “nu surde, dui surde, tre surde, tutte surde!”.

L'Ischia Teatro Festival continua sulla scia della novità.

Giovedì 28 e venerdì 29 marzo alle ore 21:00, nella sala teatrale del polifunzionale, Michelangelo Messina, Eduardo Cocciardo ed Enzo Boffelli, presentano "Song' 'e Napule!", uno spettacolo (forse) comico, scritto e diretto da Michelangelo Messina.

In scena tre attori e tante sorprese per una cab –Comedy davvero innovativa.

Risate, musiche di avanspettacolo e originalità vi attendono per due serate ad alto tasso di comicità.

L'Ischia Teatro Festival continua a sorprenderci.

Eduardo Cocciardo accompagnato da Giusy Iacono, Salvio Di Massa, Leonardo Bilardi ed Enzo Boffelli, venerdì 22 marzo, è andato in scena con "Lo cunto de li cunti", un particolare riadattamento dell'opera di Basile.

Sul palco, una scenografia minimalista. Dei tappeti persiani e dei teloni neri come sfondo, per un gioco di luci e ombre davvero suggestivo.

Dopo il successo di “Maletiempo”, riadattamento de “La tempesta” di Shakespeare e di “Fabula Rasa”, venerdì 22 marzo alle ore 20:30, nella sala teatrale del polifunzionale di Ischia, l’Accademia Dei Ragazzi presenta “Lo cunto de li cunti” in un riadattamento di Eduardo Cocciardo.

Grande successo di pubblico e applausi per la compagnia teatrale Pane, Amore e Fantasia che venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 marzo è andata in scena per l’Ischia Teatro Festival con “Mettimmece d’accordo e ce vattimme” una commedia brillante in due atti di Gaetano Di Maio.

Venerdì 15, sabato 16 e domenica 17, nella sala teatrale del Polifunzionale di Ischia, alle ore 21:00, la compagnia teatrale "Pane, Amore e Fantasia" andrà in scena con "Mettimmece d'accordo e ce vattimme" una commedia brillante in due atti di Gaetano Di Maio. Marisa è preoccupata per il fidanzamento con Nicolino, figlio di famiglia benestante legata agli antichi valori morali, perché i suoi genitori, Margherita e Geppino, sono sul punto di separarsi per motivi di adulterio, a causa di frequenti lettere che giungono al marito.

Tanti applausi per i Divini Commedianti che sabato 9 e domenica 10 marzo sono andati in scena per l’Ischia Teatro Festival con “Non è vero ma ci credo”, una commedia in tre atti di Peppino De Filippo.

La superstizione, protagonista della vicenda, è stata sconfitta e il commendatore Savastano, gabbato da moglie e figlia, ha dovuto concedere la mano di Rosina ad un umile impiegato.

Altri articoli …