Ischia News ed Eventi - Cronaca

° Il vecchio Palazzo Iacono decadente racchiude dal 1600 la storia del villaggio – una civiltà contadina immobile per secoli nella sua economia agricola oltre il Medio Evo - La Chiesa della Madonna del Carmine con il prete-contadino – Decresce la popolazione con due plessi scolastici vuoti – la speranza di un istituto superiore in agraria per cessare di essere la periferia dell’isola

Il vecchio Palazzo Iacono domina la piazza del Belvedere di Serrara a 370 metri sul livello del mare. Da questo Belvedere si vede uno dei più bei panorama dell’isola d’Ischia, forse il più bello ed il più completo. Prendi S. Angelo con le mani ed in lontananza vedi un mare infinito. A sinistra c’è l’isola di Capri e sulla destra l’isoletta di Ventotene ed ancora più là Ponza. Sotto di te ci sono i terrazzamenti molti ancora coltivati a vigneto che stanno lì’ in mezzo a burroni creati dalle acque piovane da secoli a testimonianza eterna della civiltà contadina. Il contadino qui strappava alla roccia il suo terreno, lo proteggeva con le “parracine” cioè i muri a secco con le pietre che trovava sul posto e vi impiantava la vite dalla quale faceva uscire uno dei migliori vini d’Italia e poi lo vendeva, attraverso i “mediatori”, ai grandi distributori come Don Ciccio d’Ambra e Don Alfonso Perrazzo nel XIX secolo che a loro volta lo distribuivano in tutto il Mediterraneo. Era una economia non solo di sussistenza - dalla terra il contadino traeva tutto quanto era necessario per vivere – ma anche commerciale capace di ricavare la moneta dalla fatica. Popolo di contadini quello di Serrara, il centro abitato oggi da circa 700 persone che amministrativamente è unito a Fontana, l’altro centro più su a 452 metri sul livello del mare, costituendo un sol Comune di circa 3mila abitanti, il più piccolo demograficamente fra i sei Comuni dell’isola. Gli altri centri abitati della municipalità sono Succhivo, Ciglio, Calimera e Noia.

Pubblichiamo questa foto diffusa su Facebook degli anni '60 del '900 del pubblico ad una "recita" - può essere una commedia di Scarpetta o la Cantata dei Pastori - nel salone di ingresso del complesso Pio Monte della Misericordia di Casamicciola che era la struttura civile - non solo sociale ed economica - della cittadina. La cittadinanza si riuniva lì per le commedie, i congressi, le adunanze. Vi riconoscete? Riconoscete qualcuno?

Tuffo di Capodanno il prossimo 1° gennaio alle ore 12 alla Spiaggia dei Pescatori.

Promossa dal gruppo “Quelli che la Spiaggia dei Pescatori”, la simpatica e…fresca manifestazione, che si rinnova da oltre vent’anni con un crescendo di partecipazione (a mare con oltre trenta persone e centinaia sulla spiaggia ad applaudire e divertirsi), prevede, oltre al tuffo nelle acque della Mandra, anche la degustazione di panettone e spumante e tanta musica augurale per il nuovo anno.

Il giorno 23, 24 e 25 maggio 2014 avrà luogo la dodicesima edizione di Ipomea del Negombo, mostra mercato di piante rare ed inconsuete della fascia temperata calda. L’apertura è venerdì 23 maggio dalle ore 15.00 alle 20.30, sabato e domenica dalle ore 10.30 alle 20.30. La mostra si svolgerà nel Parco Botanico Idrotermale del Negombo, nell’Isola d’Ischia. La principale isola del golfo di Napoli, è abitata da 60.000 residenti; con 600.000 arrivi e 6.000.000 di presenze all’anno, rappresenta il più importante polo turistico di tutta l’Italia meridionale. La scelta di Ischia offre questi interessi botanici ad un grande bacino di utenza: Napoli, la costiera sorrentina, la costa d’Amalfi e le isole del golfo sono infatti ricchissime di giardini e terrazze ideali ad ospitare le piante coltivate dai nostri espositori.

A 100 anni dalla morte di Tommaso Cigliano

(30 luglio 1913 - 30 luglio 2013)

Il 30 luglio sarà il centenario della morte dell’illustre medico omeopatico, nativo di Forio, Tommaso Cigliano, e i Giardini Ravino, che ospitano l’Associazione a lui dedicata, hanno deciso di celebrare questa ricorrenza con un convegno promosso insieme con l’Associazione culturale “Il germoglio”.

L’iniziativa vedrà la partecipazione dell’avv. Nino D’Ambra, che introdurrà la figura di Tommaso Cigliano da un punto di vista storico, e non solo sotto il profilo medico, perché l’eminente foriano fu, oltre che clinico e studioso di fama internazionale, anche un valido consigliere provinciale, adoperatosi senza risparmio per migliorare le condizioni di vita e i trasporti marittimi e terrestri dell’isola d’Ischia.

L'occupazione femminile non è certo il fiore all'occhiello del nostro Paese: in calo in tutta Italia, seppure con significative differenza tra nord e sud, inferiore a quella maschile e con redditi e "posizioni" generalmente più bassi. Eppure, sul lavoro delle donne si può puntare come acceleratore dell'anelata ripresa economica, soprattutto se tutelato e promosso con interventi concreti in abbinamento a quelli in vigore dal 28 giugno e atti a rilanciare l'occupazione giovanile con finanziamenti, sgravi fiscali ed incentivi, anche in vista di Expo 2015.

In assoluta controtendenza il Turismo, l'unico settore dove le donne trovano maggiore spazio, che sembra tra i più promettenti per il futuro e che può pertanto rappresentare un punto di partenza per un esame attento sulla discriminazione di genere nel mondo del lavoro.

In tale ottica si inquadra il primo Osservatorio Permanente per le Pari Opportunità, presentato ieri a Roma da Ebnt, l'Ente Bilaterale Nazionale del Turismo. All'evento hanno partecipato Cinzia Calabrese, dell'Ordine degli Avvocati di Milano e Componente del Comitato Pari Opportunità; l' Assessore alle Pari Opportunità della Regione Lazio, Concettina Ciminiello; Anna Rita Fioroni (PD); la senatrice PDL Anna Cinzia Bonfrisco; il Presidente dell'Associazione Donne nel Turismo, Caterina Fioritti e la Consigliera Nazionale di Parità Alessandra Servidori. 
 
"Questa iniziativa - afferma il presidente Ebnt Alfredo Zini - dev'essere considerato un cantiere aperto in cui coinvolgere anche altre categorie. Il ruolo del Turismo va riposizionato nel piano programmatico per il rilancio dell'economia, affidando alle donne cariche ed incarichi più qualificati per evitare quello schiacciamento delle carriere
che emerge dalla ricerca."

Secondo l'Osservatorio, la componente lavorativa femminile nel Turismo è del 60%, anche se con importanti differenze - circa il 20% - tra nord e sud. Positivo anche il fronte della contrattualizzazione, soprattutto nelle grandi imprese, dove le donne risultano assunte a tempo indeterminato per l'88,8% contro il 78,5% degli uomini, anche se per le prime si ricorre molto più spesso a contratti a tempo parziale e alla collaborazione coordinata e continuativa.

I valori tuttavia cambiano salendo di livello: a ricoprire ruoli quadro e dirigenziali sono infatti soltanto il 36,7% e il 33,8% delle donne, con picchi al ribasso nel Mezzogiorno e nella grandi imprese in genere. Tale dato non dovrebbe tuttavia stupire se messo a confronto con quello relativo alle richieste, da parte delle aziende, di personale in possesso di titoli di studi superiori: oltre il 40% per gli uomini, meno del 25% per le donne, a dispetto, peraltro, dell'importante contributo qualitativo, oltre che quantitativo, che queste apportano al settore. Alle donne, quindi, si offrono ancora oggi posti di lavoro di livello inferiore.

"Bisogna riorganizzare la società e capire come impostarla - spiega la vice presidente Ebnt Lucia Anile - Si deve puntare su un discorso di contrattazione integrativa che rimuova le disuguaglianze e le discriminazioni di genere. Una maggiore partecipazione delle donne al mondo del lavoro comporta una maggiore crescita economica ed un miglioramento dei rendimenti aziendali".

La ricerca basata su dati dell'Isfol, l'Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei lavoratori, dell'Osservatorio Permanente del Mercato del Lavoro presso Enbt, analizzata ed illustrata dal professor Andrea Ceccarelli dell'Università degli Studi di Teramo, è stata promossa con l'obiettivo di sollecitare interventi concreti per una migliore e più giusta collocazione della donna nel mondo del lavoro.

Redazione

Altri articoli …